Pneumatici

Il pneumatico è definito “composto” perché realizzato con vari materiali dalle caratteristiche e funzioni più diverse.
Partendo dalla parte interna (nascosta dal cerchione) fino ad arrivare al battistrada, il pneumatico è così composto:

  1. Strato di gomma sintetica che funge da camera d'aria.
  2. Tela applicata con speciali collanti che ha la funzione di resistere alla pressione dell'aria interna.
  3. Imbottitura laterale necessaria a trasmettere la potenza (motrice e frenante) dal cerchio al battistrada.
  4. Cerchietti posizionati ai due lati del punto di contatto con il cerchione che servono a fissare il pneumatico al cerchione stesso.
  5. Gomma flessibile posizionata sui fianchi per attutire i colpi laterali (marciapiedi e altro).
  6. Tele in fili di acciaio sottili e resistenti che intrecciate obliquamente garantiscono l'indeformabilità della sommità del pneumatico. Acciaio e gomma sono materiali molto diversi tra loro pertanto è indispensabile curare nei minimi particolari l'incollaggio del primo al secondo.
  7. Battistrada composto da gomma speciale che andrà a diretto contatto con l'asfalto e dovrà garantire un basso riscaldamento e usura insieme alla massima tenuta di strada.

Ogni pneumatico riporta dei codici che non tutti sanno interpretare.
Quelli più conosciuti sono senz'altro i riferimenti alle dimensioni.
Ad esempio, la dicitura 185/55 R16 78R significa:
185: larghezza del pneumatico espressa in millimetri;
55: è il rapporto tra l'altezza del pneumatico e la larghezza. Nella pratica significa che l'altezza del pneumatico è pari al 55% della larghezza;
R: indica che il pneumatico è di tipo radiale (come la stragrande maggioranza di quelli in commercio);
16: è il diametro di calettamento espresso in pollici, ovvero il diametro del cerchio;
78R: sono il carico e la velocità massime sopportate dal pneumatico (vedi consigli tecnici pneumatici).

Ogni pneumatico riporta anche la data di fabbricazione, per la precisione viene indicata la settimana e l'anno.
Il codice è composto da 4 cifre: la prima coppia indica la settimana, la seconda indica l'anno.
Ad esempio: 1607 significa che quel pneumatico è stato prodotto durante la sedicesima settimana dell'anno 2007.
La data è importante per saper riconoscere una gomma fresca da una che è stata in giacenza parecchio tempo prima di essere installata.
Per un pneumatico più datato potete provare a chiedere uno sconto al gommista anche se la differenza con uno di produzione particolarmente recente è poco avvertibile a patto che lo stoccaggio nel magazzino sia stato perfetto.

Ogni costruttore di veicoli, omologa l'automobile con le misure e il modello di pneumatico che ritiene essere il più adatto a quella autovettura, scegliendo tra i prodotti del marchio con cui è in corso il contratto di fornitura.
Al momento della sostituzione, è possibile far installare dei diversi pneumatici (comunque identici sullo stesso asse) scegliendo tra i tanti modelli disponibili sul mercato; l'importante è rispettare le misure riportate nel libretto di circolazione ad esclusione dei soli codici di carico e velocità che possono essere di valore superiore ma non inferiore a quello specificato.
Solo nel caso degli pneumatici invernali, è possibile installare il codice di velocità Q (fino a 160 km/h) ma la Direttiva Europea impone l'applicazione di una etichetta adesiva all'interno del vetro anteriore lato conducente, in modo da ricordargli il limite di velocità delle gomme installate.

La pressione di gonfiaggio è l'unica manutenzione costante richiesta all'automobilista.
Ogni auto riporta le pressioni di gonfiaggio sul libretto di uso e manutenzione oppure sul montante centrale della portiera lato guidato.
Il sistema migliore è quello di gonfiare gli pneumatici alla pressione consigliata dal costruttore e apportare eventuali varianti di +/- 0,2 bar per volta se notate un consumo irregolare del battistrada.
Se la gomma sarà più consumata al centro, la pressione andrà abbassata; viceversa se la gomma sarà più consumata ai lati.
Un guida particolarmente sportiva potrebbe consumare maggiormente la parte più esterna (destra e sinistra nei rispettivi lati dell'auto) del battistrada; in questo caso non servirà aumentare ancor di più la pressione che porterebbe solo a far “bombare” la gomma riducendone la tenuta e aumentandone il consumo al centro.

Per un maggiore approfondimento sul mondo degli pneumatici automobilistici, vi rimandiamo all'ottima guida Michelin presente sul sito ufficiale della società.
La garanzia è regolamentata secondo il Decreto Legislativo n. 24 del 2 febbraio 2002.

Ti è piaciuto l'articolo? Clicca sul pulsante Mi piace, grazie!

Condividi anche su:

forum bricolage Hai un problema? Chiedi aiuto nel forum di bricolage online .

SPONSOR

Volete pubblicizzare il vostro negozio online?

Bricolage Online mette a disposizione spazi web per inserire recensioni e/o articoli pubblicitari originali di utensili e attrezzature destinati al mondo del bricolage e del fai da te.

Si valutano anche attività di diversa destinazione merceologica.

Gli interessati possono contattarci senza impegno per ricevere tutte le informazioni che desiderano.

SPONSOR

Volete pubblicizzare il vostro negozio online?

Bricolage Online mette a disposizione spazi web per inserire recensioni e/o articoli pubblicitari originali di utensili e attrezzature destinati al mondo del bricolage e del fai da te.

Si valutano anche attività di diversa destinazione merceologica.

Gli interessati possono contattarci senza impegno per ricevere tutte le informazioni che desiderano.