Scooter non parte, cause e soluzioni

Dopo  una serie di interventi di manutenzione ed una maturata esperienza nel settore, vediamo quali possono essere le principali cause che possono non far partire uno scooter. Non diamo nulla per scontato, visto che il vademecum o guida dovrebbe essere utile sia ai neofiti che ai più esperti.

Iniziamo ad analizzare alcuni casi concreti:

1) Lo scooter non parte perché manca la benzina, è il caso più ovvio e banale, ma è sempre bene ricordarlo per i più sbadati ;) In questo caso l’accensione da “segni di vita” ma lo scooter non si avvia.

2) Lo scooter non parte perché la batteria è scarica. In questo caso è facile rendersene conto in quanto l’accensione elettrica non dovrebbe dare alcun segno di vita.

3) Lo scooter non parte per un problema con lo spillo conico che ostruisce il passaggio della benzina. Gli spilli conici scorrono sempre dentro una sede cilindrica e servono a tenere costante il livello della benzina all’interno della vaschetta. Ecco un’immagine sulle funzionalità dello spillo conico (valvola):

Spillo conico carburazione scooter

A tal proposito consigliamo di sostituire anche la membrana del carburatore se la gomma si presenta molto rigida e se il suo costo non è molto alto (alcune possono costare anche 150 euro e sostituirne 4 in un motore 4 cilindri può costare davvero molti soldi).
Ecco un esempio di una membrana di un carburatore a depressione di 17 anni e con 18.000 Km, confrontata con una nuova. La sua sostituzione si rende davvero inevitabile quando è rotta e non può più alzarsi e abbassarsi come è normale che sia.

Membrana carburatore scooter

A link seguente, pubblicato sul nostro canale youtube, trovate un video sulla flessibilità di una membrana nuova di un carburatore a depressione.

4) Lo scooter non parte per una errata regolazione della carburazione al minimo (il cosiddetto CO). In breve, questa vite regola la quantità di benzina , o aria, quando il motore si trova al minimo dei giri. A seconda di dove questa vite è posizionata sul carburatore, regolerà la quantità di benzina se si trova dal lato del motore invece regolerà la quantità di aria se si trova dal lato del filtro aria.

Solitamente la regolazione base è 2,5 - 3 giri di apertura partendo dal tutto chiuso. ATTENZIONE a non serrare troppo la vite nel momento di chiusura: appena arriva in battuta bisogna fermarsi per poi iniziare a svitarla.

Teoricamente la regolazione finale di questa vite va fatta con un analizzatore di gas di scarico ma nella pratica si regola “a orecchio” ascoltando il motore girare “rotondo” al minimo.
In foto si può notare un carburatore di uno scooter giapponese 50 cc. La vite centrale corrisponde alla regolazione del regime del minimo mentre quella sulla sinistra regola il CO agendo sulla quantità di benzina.

Viti massimo minimo scooter

Ti รจ piaciuto l'articolo? Clicca sul pulsante Mi piace, grazie!

forum bricolage Hai un problema? Chiedi aiuto nel forum di bricolage online .

SPONSOR

Volete pubblicizzare il vostro negozio online?

Bricolage Online mette a disposizione spazi web per inserire recensioni e/o articoli pubblicitari originali di utensili e attrezzature destinati al mondo del bricolage e del fai da te.

Si valutano anche attività di diversa destinazione merceologica.

Gli interessati possono contattarci senza impegno per ricevere tutte le informazioni che desiderano.

SPONSOR

Volete pubblicizzare il vostro negozio online?

Bricolage Online mette a disposizione spazi web per inserire recensioni e/o articoli pubblicitari originali di utensili e attrezzature destinati al mondo del bricolage e del fai da te.

Si valutano anche attività di diversa destinazione merceologica.

Gli interessati possono contattarci senza impegno per ricevere tutte le informazioni che desiderano.